Nextam Partners Banca Generali
Home Contatti Mappa del sito
  percorso:  Rassegna stampa English     Glossario    




 

RASSEGNA STAMPA 
 
 
31-ott-2002 | La Repubblica 
Il “leader” Pietro: “Il mercato ha preso male l’iniziativa, non l’ha capita”. Titoli protagonisti in Borsa
 
La famiglia Marzotto si divide naufraga l’Opas di Zignago

Voti favorevoli sotto il quorum, investitori istituzionali contro

PAOLO POSSAMAI

VENEZIA – I Marzotto bocciati dai Marzotto. L’assemblea di Industrie Zignago ieri ha cassato l’Opas annunciata dal consiglio d’amministrazione su Marzotto spa il 7 settembre scorso………………………………………………………………..A intonare il de profundis dell’Opas era stato Carlo Gentili, le cui argomentazioni critiche sono poi state riprese da numerosi altri rappresentanti di investitori istituzionali. L’esponente di Nextam partners, che aveva anche la delega di Goldam Sachs, ha indicato in Industrie Zignago “una delle migliori società del listino”, destinata “a essere stravolta dall’Opas su Marzotto”. Gentili ha rimarcato il conflitto di interessi esistente per molti membri dal cognome Marzotto (amministratori della società offerente, così come della “preda”), ma anche il “poco approfondito piano industriale”, e “il trasferimento di valore da un’azienda all’altra, senza tenere conto dei danni arrecati agli azionisti della sola Zignago”. Il presidente Paolo Marzotto, assistito dal vice Antonio Favrin (che è pure amministratore delegato di Marzotto spa), ha replicato punto su punto. E ha dichiarato di sentirsi “offeso per determinate valutazioni personali emerse dagli azionisti, quasi che noi stessimo truffando qualcuno. Abbiamo cercato al contrario di dare massima trasparenza e abbiamo eliminato in radice il conflitto di interessi. Mi rammarico di questo stop, Zignago perde una grande opportunità”. A conti fatti, ha votato a favore dell’aumento di capitale finalizzato all’Opas il 60, 68% del capitale presente (quindi sotto la soglia dei due terzi, limite minimo di legge per il via libera). Ne deriva che una parte cospicua del casato Marzotto s’è dissociato dalla linea assunta dalla maggioranza (fra gli altri, Pietro, Umberto, Vittorio, Matteo, Maria, Italia). Una crepa da non sottovalutare, tenendo conto del fatto che non esiste patto di sindacato né in Industrie Zignago, né per il gruppo tessile-abbigliamento.  



Scarica l'articolo in formato PDF
 

17-gen-2020
© copyright Nextam Partners 2001 / 2005